LE AZIENDE SATELLITARI SONO I NUOVI MERCENARI
Pubblicato in Nuovo Ordine Mondiale
satelliti
13 amici

LE AZIENDE SATELLITARI SONO I NUOVI MERCENARI DELLA GUERRA IN UCRAINA?


La guerra in Ucraina ha visto l’esplosione di un nuovo tipo di mercenario. Oltre ad assumere combattenti in carne e sangue con aziende private, gli eserciti ora hanno anche l’opportunità di esternalizzare i loro servizi di intelligence utilizzando società di immagini satellitari.

IL RUOLO DEI SATELLITI CIVILI

La sorveglianza dei movimenti delle truppe russe da parte dell’esercito ucraino è stata in gran parte resa possibile grazie alle immagini di satelliti civili. Al momento, secondo il direttore di Planet Labs, un’azienda del settore, circa 200 satelliti fotografano il paese ogni giorno da ogni angolazione.

Al di là delle forze ucraine, queste immagini vengono acquistate dai principali media che indagano sulla situazione nel paese (ad esempio, le immagini satellitari catturate dalla società Maxar hanno permesso di identificare una fossa comune a Bucha) e da organizzazioni umanitarie che possono quindi seguire i corridoi di evacuazione.

ANCHE GLI STATI UNITI

L’uso di queste compagnie non è riservato solo agli eserciti che non hanno abbastanza mezzi per avere i propri occhi nel cielo. Il Wall Street Journal afferma che il governo degli Stati Uniti è esso stesso un cliente abituale.

Lanciare un satellite spia costa miliardi e può richiedere anni. Proprio per questo i satelliti commerciali sono un aspetto importante della capacità del governo americano di ottenere le informazioni giuste al momento giusto.

LA GUERRA È UN BUSINESS

La guerra rappresenta una grande opportunità commerciale per le aziende private di immagini satellitari. Ad esempio, ci è voluta meno di una settimana dopo l’invasione russa del 24 febbraio perché BlackSky Technology decidesse di cambiare l’orbita pianificata di due satelliti sparati il 2 aprile, in modo che potessero posizionarsi sull’Ucraina, ha detto il CEO della società al Wall Street Journal.

FONTE

 

 

Maxar, Planet, BlackSky. Tutti gli affari delle società di immagini satellitari (anche con governi ed eserciti)

 

Di Chiara Rossi

La più nota è Maxar Technologies, una società satellitare americana e appaltatore del Pentagono, diventata la “fotografa” privilegiata dai media dell’invasione russa dell’Ucraina

Il 4 aprile il New York Times ha pubblicato alcune immagini satellitari che apparentemente contraddicono la versione russa del massacro di Bucha, in Ucraina.

Le immagini, registrate da un satellite della società specializzata Maxar Technologies, risalgono all’11 marzo. Nello stesso giorno anche la Bbc ha postato immagini satellitari di Bucha. Anche in questo caso le immagini, catturate il 31 marzo, provengono da Maxar Technologies.

Da Maxar a Planet, le società commerciali attive nel settore della “intelligence geospaziale” si stanno rapidamente moltiplicando, servendo principalmente i governi ma non solo”, sottolinea il quotidiano Domani.

Come spiega il quotidiano Domani queste società “guadagnano fornendo informazioni a governi, eserciti, e anche a tutte le realtà private interessate a seguire, per esempio, il movimento delle navi cargo; la diffusione dei raccolti; lo svilupparsi di incendi o altro ancora”.

Se le immagini satellitari di altre società si sono fatte strada nella copertura stampa dell’Ucraina, nessuna è onnipresente quanto Maxar. Secondo la società, Maxar fornisce il 90% della “fondamentale intelligence geospaziale utilizzata dal governo degli Stati Uniti per la sicurezza nazionale”.

Tuttavia, con le sole immagini Maxar, puoi “vedere qualcosa su una base che sembra una base che ha molte attività”, ha detto all’AP Hans Kristensen, direttore del Nuclear Information Project presso la Federation of American Scientists. “Ma in termini di ciò che accade lì e di quali sono le unità, ci vogliono molte più informazioni”.

Ecco perché bisogna fare attenzione a prendere e pubblicare queste immagini tout court.

Tutti i dettagli sulle società satellitari commerciali specializzate nel campo della “intelligence geospaziale”, come le americane Planet, BlackSky, Capella Space e la più famosa Maxar.

COS’È MAXAR TECHNOLOGIES

Come riporta New Republic, la storia di Maxar risale alla nascita dell’industria delle immagini satellitari commerciali americane negli anni ’90, resa possibile in parte dalla decisione del presidente Clinton di aprire la vendita di immagini a soggetti stranieri. Cinque anni dopo, una società chiamata Space Imaging lanciò Ikonos. Dopo diverse acquisizioni e una fusione, nel 2017 è nata Maxar Technologies a Westminster, in Colorado.

Per quasi un decennio — sottolinea New Republic — Maxar era l’unico fornitore di immagini satellitari commerciali ad alta risoluzione per il National Reconnaissance Office del Dipartimento della Difesa americano, che ha pagato a Maxar 300 milioni di dollari all’anno per l’accesso ai suoi satelliti e al suo gigantesco archivio di immagini.

IL BUSINESS

Quindi le immagini satellitari sono una parte sostanziale dell’attività di Maxar, che include anche la progettazione e la produzione di satelliti e componenti di veicoli spaziali. Nel 2021, le capacità di Earth Intelligence di Maxar hanno generato un fatturato di 1,1 miliardi di dollari, quasi il 62% dei ricavi totali dell’azienda.

COLLABORA ANCHE CON GOOGLE

Oltre ai suoi contratti con il governo degli Stati Uniti e i suoi alleati, la società collabora anche con organizzazioni non governative e società a scopo di lucro. Secondo New Republic, Google Maps e Google Earth, ad esempio, si affidano alle immagini satellitari Maxar. L’azienda non rivela pubblicamente quanto delle sue entrate provenga dalla fornitura di immagini satellitari specificamente ai clienti della difesa.

IL NEWS BUREAU DI MAXAR

Se hai visto immagini satellitari ad alta risoluzione pubblicate in relazione a una storia importante, quell’immagine è più che probabile sia presa da un satellite Maxar”, ha dichiarato di recente il presidente e ceo di Maxar Dan Jablonsky.

Questo è merito del News Bureau di Maxar. Ovvero l’iniziativa che dal 2017 promuove gratuitamente le immagini, le analisi e gli esperti dell’azienda presso le principali organizzazioni di media di tutto il mondo. Secondo la società, più di 700 siti hanno condiviso le immagini di Maxar del caos all’aeroporto di Kabul durante il ritiro degli Stati Uniti dall’Afghanistan lo scorso anno. E il numero di pubblicazioni che hanno utilizzato immagini Maxar dall’Ucraina potrebbe essere più alto.

BLACKSKY

Come detto all’inizio se Maxar è la più nota, anche altre società di “intelligence geospaziale” si stanno espandendo.

Come Blacksky. Proprio lo scorso 2 aprile l’azienda americana ha ampliato la sua costellazione da 12 a 14 satelliti ad alta risoluzione dopo il successo del lancio di RocketLab “Without Mission a Beat”. Questa missione segna la quarta missione di lancio del satellite BlackSky negli ultimi quattro mesi.

La costellazione on-demand di satelliti proprietari di BlackSky, insieme ai sensori nelle costellazioni dei suoi partner, sono in grado di acquisire immagini di posizioni mirate sulla Terra più volte al giorno in una varietà di condizioni. Inoltre la società fornisce ai propri clienti software basati sull’apprendimento automatico e l’intelligenza artificiale che consentono loro di interpretare i dati.

PLANET LABS

C’è poi Planet Labs, specialista di dati e imaging della Terra.

Come ha riportato il New York Times, “Planet Labs da solo ha una costellazione di oltre 200 satelliti di imaging e ha reso una specialità l’azzeramento dei siti militari”. Lo scorso ottobre la società hannunciato una nuova linea di satelliti per immagini, chiamata Pelican.

CAPELLA SPACE

Capella space, per esempio, utilizza per le sue riprese la tecnologia del radar ad apertura sintetica (Sar), che invia onde radio e misura il modo in cui i segnali vengono restituiti per generare delle immagini accurate” riporta Domani. Inoltre, “Capella Space sta lavorando direttamente con i governi statunitense e ucraino, nonché con altre entità commerciali per fornire dati tempestivi e assistenza in merito al conflitto in corso”, ha confermato Payam Banazadeh, ceo dell’azienda in una dichiarazione ad AFP a inizio marzo.

INDISPENSABILI GLI ANALISTI MILITARI

Se lo status di Maxar come appaltatore della difesa conferisce al suo contenuto una certa legittimità, le immagini che fornisce ai media non sono, in effetti, “così precise o tempestive”. Come le immagini raccolte dalle stesse forze armate statunitensi. Lo ha sottolineato ad Associated Press l’ammiraglio della Marina in pensione James Stavridis. Quando le agenzie di intelligence e militari statunitensi si rivolgono alle immagini di Maxar, le corroborano con informazioni provenienti da fonti umane; video in tempo reale e informazioni raccolte da aerei spia, spiega il militare.

COME I MEDIA DOVREBBERO UTILIZZARE QUESTE IMMAGINI

Infine, per mitigare l’impatto propagandistico delle immagini fornite dalle società di geointelligence, ha spiegato a New Republic Lisa Parks professoressa di comunicazioni alla Santa Barbara University, “i notiziari dovrebbero sempre identificare il satellite utilizzato per acquisire un’immagine”.

Quindi New Republic raccomanda a coloro che pubblicano immagini satellitari nei media di considerare diversi punti. “Le immagini satellitari non dovrebbero mai essere il punto finale di una discussione”, ha detto Parks, “dovrebbero essere solo un inizio”.

Inoltre “dovrebbero indicare la data in cui l’immagine è catturata, tra gli altri metadati. E se stanno cercando di raccontare una storia su una situazione in via di sviluppo, dovrebbero anche presentare viste del “prima e dopo”. Così come altre foto dal cielo o dal suolo per fornire una varietà di prospettive” ha concluso Parks.

Satelliti

FONTE:nogeoingegneria.com