LETTERA APERTA ALLA CORTE PENALE INTERNAZIONALE CHE ACCUSA LE NAZIONI UNITE DI COMPLICITÀ IN UN TRADIMENTO PLANETARIO
Pubblicato in Nuovo Ordine Mondiale
clima
14 amici

È stupefacente che dopo 20 anni di sforzi a livello mondiale per manipolare palesemente l’atmosfera – lo si può vedere – nonostante la diffusione di  innumerevoli analisi,dati, brevetti, film documentazioni ecc., il problema sia  percepito solo da un piccolo gruppo di persone che vengono pubblicamente screditate per i loro sforzi e le loro osservazioni. Quello che abbiamo visto nella fase Covid, cioè un’apertura degli occhi di milioni di persone, manca quasi del tutto per quanto riguarda il cielo massacrato. Silenziosamente, si è instaurata una nuova normalità del cielo. si accetta questo scenario sconcertante.    

Dove sono i veri scienziati che pongono domande sulla reale contaminazione dell’alta atmosfera? Cosa stanno facendo al nostro cielo? 

Una mosca bianca in questa terra desolata e silenziosa è Marvin Herndon, uno scienziato americano interdisciplinare che da diversi anni svolge ricerche e pubblica su questo tema. Naturalmente, non vanno dimenticati i suoi colleghi di lavoro.

Le operazioni nel cielo e quelle intorno al Covid-19, secondo Herndon, sono due facce del Male e prosegue: se vogliamo avere un futuro vivibile su questo pianeta, una massa critica di umanità deve svegliarsi di fronte alle atrocità in corso. Le persone devono uscire dall’ipnosi e dalle distrazioni. Non siamo entità separate dal resto della biosfera. Il tempo a nostra disposizione è poco: è urgente agire subito per dare ai nostri figli un futuro sano e vivibile.

Il Dr. J. Marvin Herndon, come ha definito il Washington Post, è un “geofisico anticonformista”. La sua vita scientifica è caratterizzata dalla scoperta e dalla correzione di errori commessi da scienziati finanziati dal governo, che hanno portato a una nuova comprensione dell’origine e della composizione interna della Terra, alla prova dell’esistenza di un reattore a fissione nucleare come fonte del campo geomagnetico e a una nuova comprensione della geologia e della dinamica della superficie terrestre.

Negli ultimi anni ha rivelato la composizione e le conseguenze delle scie aeree persistenti e di conseguenza la sua reputazione è stata messa in discussione, gli articoli sulla salute pubblica sono stati ritrattati e la sua pagina di Wikipedia è stata minimizzata e corrotta da agenti professionisti della disinformazione. Recentemente ha scoperto che le particelle inquinanti, e non l’anidride carbonica, causano i picchi del riscaldamento globale.

Maria Heibel

TRADUZIONE A  CURA DI NOGEOINGEGNERIA – TELEGRAM https://t.me/NogeoingegneriaNews 

Lettera aperta alla Corte penale internazionale in cui si accusano le Nazioni Unite di complicità in un tradimento planetario

(Open Letter to the International Criminal Court Alleging United Nations Complicity in Planetary Treason)

J. Marvin Herndon, Ph.D. Transdyne Corporation San Diego, California 92131 USA

Mark Whiteside, M.D., M.P.H. Florida Department of Health Key West, Florida 33040 USA

Ian Baldwin, M.A. Publisher Emeritus, Chelsea Green Craftsbury Common, Vermont 05827 USA

Herndon, J. M., Whiteside, M., & Baldwin, I. (2022). Open Letter to the International Criminal Court Alleging United Nations Complicity in Planetary Treason. Advances in Social Sciences Research Journal, 9(10). 243-258

https://journals.scholarpublishing.org/index.php/ASSRJ/article/view/13328

ABSTRACT

Presentiamo una preponderante evidenza del fatto che le attività di modifica ambientale coperta su scala mondiale (geoingegneria) sono in corso da diversi decenni, e citiamo numerosi articoli scientifici e medici sottoposti a peer review e altre fonti a sostegno della nostra affermazione che tali attività stanno causando innumerevoli danni ai sistemi terrestri. Questi danni includono, ma non solo, la perdita catastrofica di fauna selvatica, l’aggravamento del riscaldamento globale e del caos climatico, l’alterazione degli ambienti, l’aggravamento della siccità e il concomitante degrado dell’agricoltura nonché la riduzione dell’ozono stratosferico, che espone la vita di superficie alle mortali radiazioni ultraviolette solari.

Nel 1978 l’Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU) ha supervisionato la creazione della Convenzione sulla proibizione dell’uso militare o di altri usi ostili delle tecniche di modificazione ambientale (ENMOD), un trattato internazionale volutamente vago e ingannevole che è servito come cavallo di Troia per fornire una base “legale” per le successive attività di geoingegneria a livello mondiale (come descritto nel presente documento). Sin dalla creazione del Programma Ambientale delle Nazioni Unite (UNEP) nel 1972, l’ONU e alcune delle sue altre agenzie, tra cui l’Organizzazione Meteorologica Mondiale (WMO), il Gruppo Intergovernativo sui Cambiamenti Climatici (IPCC) e l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), si sono formalmente impegnate per l’integrità dell’ambiente planetario.

Ci appelliamo alla Corte Penale Internazionale affinché emetta una sentenza favorevole ai singoli cittadini del mondo, ai quali la geoingegneria planetaria ha abrogato i diritti fondamentali, come qui documentato. Chiediamo rispettosamente alla Corte Penale Internazionale i seguenti provvedimenti: 1) La fine immediata e permanente della Convenzione ENMOD; 2) Un’ingiunzione globale permanente su tutte le attività intraprese sotto l’autorità di ENMOD; 3) La declassificazione di tutti i documenti relativi alle attività di ENMOD e la libera disponibilità di tutti questi documenti a livello mondiale; 4) L’istituzione di un organo legale, ispirandosi al Tribunale Militare Internazionale di Norimberga, per ascoltare le prove e rendere giustizia per il tradimento planetario e i crimini contro l’umanità e l’ambiente.

INTRODUZIONE

Sin dalla creazione del Programma Ambientale delle Nazioni Unite (UNEP) nel 1972, l’Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU) si è impegnata formalmente per l’integrità dell’ambiente planetario. In risposta all’indignazione mondiale per la scoperta dell’uso di armi ambientali da parte degli Stati Uniti in Vietnam, tra cui la guerra meteorologica, nel 1977-1978 l’ONU ha supervisionato la creazione della Convenzione sulla proibizione dell’uso militare o di altre tecniche ostili di modificazione ambientale (di seguito ENMOD) [1].

L’ENMOD, secondo noi, utilizzava un linguaggio deliberatamente vago per nascondere il suo scopo segreto, che non era quello di proibire la guerra ambientale di per sé, ma di obbligare i Paesi firmatari, cioè gli “Statimembri”, alla partecipazione in attività di modificazione ambientale per “scopi pacifici” o per ” migliorare l’ambiente”, senza specificità o limitazioni.

La generale mancanza di specificità di ENMOD è ingiustificata e voluta. Viceversa, ENMOD è abbastanza specifico e ampio nel definire il termine “tecniche di modificazione ambientale”. L’articolo II afferma che: “Come usato nell’articolo 1, il termine “tecniche di modificazione ambientale” si riferisce a qualsiasi tecnica per cambiare – attraverso la manipolazione deliberata di processi naturali – la dinamica, la composizione o la struttura della Terra, compresi i suoi biota, litosfera, idrosfera e atmosfera, o anche dello spazio esterno”.

Questa definizione è così ampia da permettere all’ENMOD di incaricare gli “Statimembri” di contribuire, ad esempio, alla modifica dei virus naturali in senso positivo o addirittura alla modifica genetica delle popolazioni umane.

Nel 1988 l’UNEP e l’Organizzazione meteorologica mondiale (WMO) hanno creato il Gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici (IPCC) delle Nazioni Unite. La missione politicamente determinata dell’IPCC è quella di documentare il riscaldamento globale di origine antropica, detto anche “cambiamento climatico”, soprattutto in quanto causato dall’anidride carbonica, e di fornire consigli ai leader politici.

Verso la metà e la fine degli anni Novanta, in tutto il mondo si cominciò a segnalare un numero crescente di scie di jet. Nel 1990-91 l’aeronautica militare statunitense utilizzò il termine “chemtrails” nei suoi libri di testo di chimica introduttiva. Più tardi, nel corso del decennio, questo termine è stato adottato dal pubblico profano per descrivere le scie che osservavano sopra le loro teste [2]. Le chemtrails, palesemente una forma di devastante modificazione ambientale, come documentiamo di seguito, da allora sono diventate un fenomeno osservabile quotidianamente in tutto il mondo [3-5]

Di seguito, presentiamo una serie di prove, pubblicate nel corso di diversi anni (2015-2022) in varie riviste scientifiche e mediche, che dimostrano:

– la natura tossica del particolato delle chemtrails e la distruzione su larga scala della vita causata da tale particolato tossico; e,

– le conseguenze fisiche e ambientali delle chemtrails, che includono l’aggravamento del riscaldamento globale e del caos climatico; lo sconvolgimento biofisico degli habitat a livello globale; la precipitazione della siccità e il concomitante degrado dell’agricoltura, non solo a causa della siccità ma anche attraverso l’inquinamento tossico chimico; inoltre, l’assottigliamento dell’ozono stratosferico che espone la vita di superficie alle radiazioni ultraviolette solari.

Una preponderanza di prove indica che l’UNEP, il WMO, l’IPCC e l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) sono complici di queste attività occulte, che includono:

– il riscaldamento del pianeta e

– lo scioglimento deliberato dei ghiacci polari

Chiediamo rispettosamente alla Corte Penale Internazionale i seguenti provvedimenti:

– Cessazione immediata e permanente della Convenzione ENMOD;

– Ingiunzione globale permanente su tutte le attività intraprese sotto l’autorità di ENMOD;

– Declassificazione di tutti i documenti relativi alle attività di ENMOD e messa a disposizione a livello mondiale e gratuita al pubblico tutti questi documenti;

– Istituzione di un organo legale, ispirato al Tribunale Militare Internazionale di Norimberga, per raccogliere prove e rendere giustizia per i crimini contro l’umanità e l’ambiente.

UN TRATTATO INTERNAZIONALE COME CAVALLO DI TROIA

Dagli anni ’70 le Nazioni Unite sono direttamente coinvolte in attività globali basate su falsi presupposti scientifici. Queste attività distruggono sistematicamente la vita sulla Terra e favoriscono un’agenda elitaria volta a soggiogare e disumanizzare le popolazioni globali.

Le Nazioni Unite hanno prodotto un trattato, originariamente classificato come documento di disarmo, intitolato “Convenzione sulla proibizione dell’uso militare o di qualsiasi altro uso ostile delle tecniche di modificazione ambientale” [di seguito ENMOD], il quale è stato aperto alla firma a Ginevra il 18 maggio 1977 ed è entrato in vigore il 5 ottobre 1978 [1].

Da cima a fondo, questo trattato è fuorviante. L’ENMOD non proibisce “l’uso ostile di tecniche di modificazione ambientale”, come indica il suo titolo. Il trattato ENMOD, come sosteniamo e spieghiamo di seguito, ha uno scopo diverso. È un cavallo di Troia che obbliga la cooperazione inconsapevole di Paesi firmatari indipendenti, cioè gli ” Statimembri”, a intraprendere una modificazione ambientale ostile [6, 7] – di fatto una guerra – per “scopi pacifici”, senza limitazioni per quanto riguarda i danni all’uomo e ad altre popolazioni biogeniche nelle più ampie circostanze possibili [8, 9]. E lo fa senza definire gli “scopi pacifici”, il che è una contraddizione fondamentale, poiché qualsiasi attività che altera l’equilibrio naturale esistente tra biota e processi geofisici ferisce o distrugge la vita e non può essere interpretata come “pacifica”, se non nel senso più perverso e diabolico del termine.

L’ENMOD fornisce i mezzi “legali” per cooptare le istituzioni militari e di sicurezza nazionale di nazioni sovrane per impegnarsi in “tecniche di modifica ambientale per scopi pacifici” non rivelate. Queste tecniche di modifica non rivelate sono altamente distruttive per l’agricoltura e la produzione alimentare. Inoltre, causano il riscaldamento globale, il caos climatico e meteorologico e la distruzione degli habitat. Infine, compromettono radicalmente la salute umana e ambientale [8, 9]. Di fatto costituiscono una prova a prima vista di una guerra ambientale contro le popolazioni umane [6, 7].

MODIFICAZIONE AMBIENTALE TROPOSFERICA

È dagli anni Novanta che i cittadini preoccupati hanno iniziato a notare e a segnalare scie bianche di jetlaid che si allungavano nel cielo, disperdendosi rapidamente fino a somigliare a cirri, per poi estendersi e formare una foschia bianca nel cielo [2, 10]. Nel 2012 queste scie di particolato, talvolta indicate come “chemtrails”, erano diventate un fenomeno quasi quotidiano e quasi globale, come illustrato nella Figura 1.

Figura 1. Particelle di chemtrail emesse dai jet e destinate alla modificazione dell’ambiente. In senso orario, da sinistra in alto: San Diego, California, USA; Karnak, Egitto: Ginevra, Svizzera; Parigi, Francia; Londra, Inghilterra; Jaipur, India.

Le indagini scientifiche forensi hanno dimostrato che il particolato aerosolizzato, disperso dai getti nella bassa atmosfera, è compatibile con le ceneri volanti di carbone [11-17], il prodotto di scarto a grana estremamente fine e leggera della combustione industriale del carbone che, a causa della sua tossicità, viene catturato e stoccato nei Paesi occidentali (dove costituisce uno dei maggiori volumi di rifiuti industriali al mondo).

Il pubblico è stato costantemente ingannato, anche dall’Aeronautica Militare degli Stati Uniti [18] e dall’Agenzia per la Protezione dell’Ambiente [19], sulla natura di queste scie chimiche occultate dai jet, e sui rischi che esse comportano per la salute umana e ambientale [20-22].

La pubblicazione di articoli medici e di salute pubblica che mettevano in guardia dai rischi per la salute è stata ingiustificatamente rifiutata senza revisione paritaria dal Bulletin of the World Health Organization, dall’Environmental Health Perspectives, da una pubblicazione del National Institutes of Health degli Stati Uniti, e dai Proceedings of the National Academy of Sciences [23]. La disinformazione professionale ha costretto i direttori e i redattori di riviste di salute pubblica a ritrattare due articoli pubblicati e sottoposti a peer-review senza che l’autore (JMH) avesse mai avuto l’opportunità di visionare e rispondere alle critiche [24, 25], in grave violazione del protocollo scientifico.

Articoli scientifici e medici pubblicati mettono in relazione le ceneri volanti di carbone aerosolizzate con malattie neurodegenerative [26], BPCO e malattie respiratorie [23, 27], cancro ai polmoni [28], malattie cardiovascolari [29], COVID-19 e immunopatologia [30, 31].

Le ceneri volanti di carbone aerosolizzate causano riscaldamento globale [32], alterano gli habitat [33], danneggiano l’agricoltura [8, 12], contaminano l’ambiente con il mercurio [14], decimano le popolazioni di insetti [34], pipistrelli [35] e uccelli [36]. Le ceneri volanti di carbone aerosolizzate uccidono anche gli alberi [15, 37], aggravano gli incendi selvatici [10], favoriscono la presenza di alghe nocive nelle nostre acque [38] e distruggono lo strato di ozono stratosferico che protegge la vita sulla superficie dalle mortali radiazioni ultraviolette del sole [39-41].

La perdita di fauna selvatica è documentata graficamente dal World Wildlife Fund nella Figura 2. Sebbene la perdita di biodiversità abbia molte cause negli ultimi cinquant’anni, l’aggiunta della geoingegneria segreta sta senza dubbio aggravando la perdita senza precedenti di fauna selvatica, ora stimata al 70% dal 1970.

Figura 2. Il declino globale di 20.811 popolazioni di fauna selvatica monitorate appartenenti a 4.392 specie dal 1970 al 2016 e che, probabilmente, ha subito un ulteriore declino nei sei anni successivi.

Oltre alle scie chimiche di ceneri volanti di carbone, una nuova sostanza organica, Figura 3 (a destra), ha iniziato a essere utilizzata per alterare i processi naturali della Terra ed è meno evidente dal suolo. Sebbene il getto venga emesso in alto nella troposfera, al limite della stratosfera, minuscole goccioline cadono al suolo e si raccolgono sui parabrezza e su altre superfici lisce, come osservato a San Diego e Bakersfield, California (USA) [16].

In combinazione con le ceneri volanti di carbone, le particelle organiche presumibilmente causano ulteriori effetti negativi sulla salute umana e ambientale. Anche se vengono diffuse ad alta quota, le goccioline organiche, eventualmente contenenti nanoparticelle, permeano comunque l’aria che respiriamo, il che rende questa sostanza potenzialmente utile come sistema di diffusione di biotossine alle popolazioni umane. Questa sostanza organica aerosolizzata è potenzialmente in grado di provocare il riscaldamento globale e rischia di essere innalzata più facilmente nella stratosfera in modo da distruggere l’ozono [16]. Attualmente sono in corso indagini su questo nuovo inquinante aerosol voluto.

Figura 3. A sinistra: chemtrails di ceneri volanti di carbone nel cielo di San Diego, California, USA, nel 2015; a destra: Un nuovo (2022) getto di sostanze organiche, meno appariscente, ma potenzialmente più devastante. Inquadratura: vista ingrandita del piano di irrorazione, indicato dalla freccia rossa.

.

MODIFICA AMBIENTALE DELLA SUPERFICIE

Intorno al 14 febbraio 2016, una sostanza oleosa è caduta su sette abitazioni e automezzi di Harrison Township, Michigan (USA). Sospettando che si trattasse di un rilascio accidentale da parte di un aereo impegnato nella geoingegneria segreta, uno di noi (JMH) ha ottenuto dei campioni da uno dei residenti per analizzarli e ha avvisato il Michigan Department of Environmental Quality di quali analisi dovessero essere condotte. Come si legge nel rapporto pubblicato [42], il materiale rilasciato dall’aereo è costituito da una miscela di particelle in grumi scuri che assomigliano a materiale vegetale, tra cui foglie, semi e bucce di frutta, mescolati a ceneri volanti di carbone e sale.

La Figura 4 mostra i modelli di buchi quasi circolari (chiamati “buchi di crioconite”) che si osservano in tutto il mondo sulle superfici dei ghiacciai in fase di ablazione, e che assomigliano al modello di distribuzione del materiale caduto dall’aria del Michigan. A causa del suo colore scuro, la crioconite naturale – polvere trasportata dal vento composta da particelle di roccia, fuliggine e microbi – assorbe la luce solare e si scioglie nel ghiaccio dei ghiacciai. La somiglianza tra la crioconite e il materiale aereo è una chiara indicazione che il materiale aereo artificiale è pseudo-crioconite o proto-crioconite, il cui scopo è sciogliere il ghiaccio glaciale e aumentare il riscaldamento globale.

Figura 4. in alto a sinistra: Distribuzione delle gocce dall’ aria; in alto a destra: distribuzione dei fori di crioconite nel ghiacciaio; in basso a sinistra: Pseudo- o proto-crioconite rilasciata dall’aria; in basso a destra: crioconite naturale. Adattato da [42].

RISCALDAMENTO GLOBALE OCCULTO ATTRAVERSO LA MODIFICAZIONE AMBIENTALE

Le particelle nella bassa atmosfera (troposfera) sono riscaldate dalla radiazione solare e dal calore radiante della Terra e trasferiscono questo calore ai gas atmosferici tramite collisioni molecolari. Il riscaldamento che ne deriva aumenta la temperatura atmosferica e riduce la differenza di temperatura rispetto all’aria vicina alla superficie, riducendo la convezione atmosferica e contemporaneamente il trasporto convettivo di calore dalla superficie. Questo è il meccanismo con cui le chemtrails, il particolato rilasciato dai jet, causano il riscaldamento globale [43-47].

La distribuzione e la composizione della pseudo-crioconite nell’aria del Michigan (Figura 4), insieme al riscaldamento globale causato dalle chemtrail, è una prova evidente che l’intento principale delle attività di modificazione ambientale intraprese in segreto sotto l’egida del trattato troiano internazionale (ENMOD) è quello di sciogliere i ghiacci polari per aprire i corridoi marini dell’Artico sopra la Russia, l’Europa e il Nord America e per ottenere l’accesso alle vaste ricchezze minerarie sotto i ghiacci artici [48].

Un intento secondario di queste attività di modifica ambientale è quello di rafforzare le affermazioni del Gruppo intergovernativo di esperti sul cambiamento climatico (IPCC) delle Nazioni Unite, secondo cui il clima sta cambiando, cioè si sta riscaldando a livello globale. Sin dalla sua costituzione nel 1988, l’IPCC ha proclamato che il riscaldamento globale è una tendenza a lungo termine ed è causato dall’anidride carbonica, mentre in realtà il riscaldamento globale è causato principalmente dall’inquinamento da particolato aerosol, comprese le chemtrails emesse dai jet [43-47]. Il fatto che per tre decenni centinaia di scienziati atmosferici e climatici dell’IPCC abbiano sistematicamente omesso di menzionare gli aerosol chimici spruzzati dai jet, alias chemtrails, come fattore di termoregolazione della Terra, è una chiara prova di inganno per omissione. L’inganno è inoltre dimostrato dal fatto che l’Organizzazione Mondiale della Sanità delle Nazioni Unite si è rifiutata per due volte di pubblicare nel Bollettino dell’Organizzazione Mondiale della Sanità le nostre prospettive (JMH e MW) che mettevano in guardia dai rischi per la salute pubblica posti dalle chemtrails di ceneri volanti di carbone.

GUERRA GLOBALE SANCITA DALL’ ENMOD

Un intento supplementare di queste attività di modificazione ambientale è la conduzione di una guerra ambientale segreta contro l’umanità.